HAMRADIO

forum dedicato al mondo della scienza e della tecnologia
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista utentiLista utenti  GruppiGruppi  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 I nevofili meteo appassionati,conosciamoli

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
IW1GHG
Admin
Admin


Messaggi : 1093
Data d'iscrizione : 10.05.10
Località : Torino

MessaggioOggetto: I nevofili meteo appassionati,conosciamoli   Sab Dic 11 2010, 11:39

risata1 risata1

Fonte,un forum meteo.

Il meteoappassionato freddofilo è quanto di più bizzarro possa esistere nel campo della meteorologia amatoriale, è sempre in cerca dell’evento storico, lo vede anche quando non esiste, si esalta o si deprime con costante alternanza ogni circa sei ore, sogna di vivere ora in Siberia, ora a Capracotta, ora in Giappone, ama la neve come e più della sua squadra del cuore, e in alcuni casi più dei suoi simili.
E’ nella maggior parte dei casi super preparato in materia, conosce tutte le figure bariche possibili e immaginabili e anche qualcuna in più, possiede una o più stazioni meteo e termometri esterni disseminati ovunque in giardino, terrazzo, tetto o balconi, partecipa attivamente o meno a tutti i forum meteo della rete.
Nei momenti più difficili il nevofilo entra in crisi di astinenza e si dà alla caccia di foto, filmati, grafici e carte vecchie di cinquant’anni sulle quali poi costruisce fantasiosi ed inverosimili scenari futuri, o ancora peggio si affida ad eventi di portata planetaria: rallentamento della corrente del golfo, inversione dei poli magnetici terrestri e chi più ne ha più ne metta.
Una strana sindrome colpisce tutti i nevofili: il lampionismo.
Il lampionismo è una malattia più diffusa di quanto si possa pensare tra i meteoappassionati e insorge fin dalla tenera età e consiste nell’osservazione continua e spesso immotivata del lampione posto di fronte casa nelle ore notturne.
Dopo parecchie ore di osservazione in assenza di precipitazioni, l’affetto da lampionismo comincia a delirare avvistando inesistenti fiocchi di neve.
Nel corso di questa bizzarra attività il malato è spesso impegnato nella pulizia del vetro della finestra, appannato dal proprio alito.
Il nevofilo è geloso e può divenire anche aggressivo, vorrebbe la neve tutta per se, e si infuria se qualcuno viola la sua amata dama bianca passandoci sopra con l’automobile.
Quando la neve fa la sua comparsa, sul viso del nevofilo si dipinge una strana espressione da beota, in realtà gode come un pazzo, è in uno stato di euforia che non gli consente di rapportarsi con la gente normale, solo gli altri nevofili possono comprenderlo.
Un’altra malattia che colpisce il meteoappassionato è la sindrome da modello fisico-matematico, da ora in poi SFM.
Da studi approfonditi, appare ormai certo che la costante alternanza di stati d’animo accennata all’inizio di questo articolo, sia dovuta proprio alla SMF, malattia meno rara di quanto si possa immaginare.
Il paziente affetto da SMF spulcia la rete alla ricerca di carte di ogni tipo fin quando non trova quella a lui più congeniale, che assume poi come verità assoluta ed insindacabile per le prossime sei ore.
Nei casi più gravi di SMF, l’ammalato vede maiali, cammelli oppure orsi, ma in casi più sporadici anche altri animali o oggetti.
Sembra che il principale focolaio della malattia, per altro contagiosa, sia stato localizzato in una non meglio precisata zona della Germania.
In estate il freddofilo va in letargo, per poi risvegliarsi in corrispondenza dei primi freddi.

_________________
http://iw1ghg.altervista.org/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://iw1ghg.altervista.org/
iw1gfv
Moderator
Moderator


Messaggi : 401
Data d'iscrizione : 10.05.10
Età : 32
Località : Castellamonte

MessaggioOggetto: Re: I nevofili meteo appassionati,conosciamoli   Lun Dic 13 2010, 17:58

Ci sono anche i radioamatori strani!!!


STRANI TIPI GLI OM...

Tratto dalla Newsletter N. 110 della Sezione ARI di Milano


Più di una volta vi sarete chiesti perché gli OM sono una "razza" guardata con sospetto dalla gente normale. Lo so bene che "normale" è un concetto astratto, ma mettetevi nei panni degli "altri": molti OM sono degli antisociali, che preferiscono rintanarsi nella penombra delle loro stazioni piuttosto che condividere un'iniziativa con i loro simili, con i quali spesso sono anche in competizione.

Dunque, è facile che una persona che ci veda arrampicati sul tetto, o quindi ci sappia rintanati in casa, abbia una visione del radioamatore che sta fra l’agente segreto un po’ sfigato e lo scienziato pazzo e fallito.

La tipologia di questa specie è praticamente infinita, e riflette il carattere e l’astrazione sociale dei soggetti. Ma basta un'occhiata alla stazione per capire il tipo di QM che si ha davanti.

Un tavolo perfetto, senza un cavo in giro e regolarmente spolverato denota l'OM radio-maniaco. E' quello che quando acquista la radio nuova ripiega i sacchettini dell'imballo, conserva le scatole e, quando le riconsegna al rivenditore per "darle dentro" gli fa notare la presenza del nastro adesivo originale e l'assoluta mancanza di ditate o abrasioni sull'apparato. Si distingue perché quando acquista un accessorio nuovo, come un rosmetro, impiega 10 ore per metterlo a posto, 10 giorni per provarlo.

La scrivania-groviglio è invece l'emblema del radio-smanettone. Non importa che tipo di traffico preferisca, il suo vivere la radio è tutto un fare cavetti; in un anno spende più in connettori che in radio, spesso ha il saldatore sempre acceso ma anche sempre sporco; sul pavimento della stanza raccoglie chili di residui di stagno, e seppellisce gli apparati sotto schemi e interfacce.

Normalmente possiede un cassettone o una cassapanca piena di "cadaveri", ossia tutti i circuiti terminati o lasciati a metà, che ha cercato di realizzare da solo. Se è povero innesca un continuo riciclo dei componenti elettronici, spine, prese eccetera. Ignora la compatibilità elettromagnetica , o meglio la nega a sé stesso. Non vende radio usate, perché di ogni apparato sfrutta tutti i componenti e le parti fino a quando non ha convertito la materia in calore effettuando diverse fusioni.

La stazione invisibile è propria dell'QM con moglie comandante, il radio-clandestino. Quando non opera, degli apparati non si deve vedere nulla; agli ospiti di riguardo la stazione viene celata quasi ne andasse della dignità personale della consorte; dunque questo OM è uno specialista dell'occulto. In una mensola 30 x 60 ci fa stare tutte le bande operative, l’alimentatore è nascosto, e soltanto lui sa come accenderlo. Non parliamo dei cavi d'antenna: RG 50/20 fino al serramento; giunta di RG 58 per entrare in casa; giunta di RG 214 per collegare i wattmetri. Perdita totale 10 db. Guadagno dell'antenna 9. A lui non interessa collegare in distanza, ma mostrare a tutti che nonostante “LEI”, la stazione è attiva.

Infine c'è il radio-pascià. Qualcuno dice che sia un personaggio leggendario, e che in realtà non esista. È un OM che ha la stazione in una stanza dedicata, magari la mansarda, nella quale la moglie non entra. Le pareti sono rivestite in legno pregiato, le radio sono tante, troppe, e sono appoggiate su tappetini orientali da preghiera. Possiede ogni linea di apparati; non ne ha mai dovuti vendere e ne acquista sovente di nuovi. Lui non tocca saldatore, non si sporca le mani sul tetto. C'è chi lavora per lui e lo considera un onore. Non lo si sente mai, ma ha appesi tutti i diplomi, incorniciati "noce filo oro". Fuma la “pipa di stazione”; ma nel suo shack nessuno ha mai potuto divertirsi.

Ci sono poi le stazioni mobili: il radio-maniaco non importa che auto ha, tanto non ha il coraggio di bucare il tetto, e quindi opera poco in mobile. Ma quando lo fa le prova tutte: magnetiche, adesive e perfino finte.

Il radio smanettone ha invece un 'automobile-magazzino. Di solito una station-wagon molto sporca, ma con almeno due prese d'antenna, il PL e il "galletto". Nel baule, ormai introvabili, è sicuro di avere la bibanda da 2 metri e mezzo con 9 bobine. Nel cassetto ha stivato invece tutti i cavetti di alimentazione esistenti al mondo in doppia versione, con polarità normale o invertita. quando si ferma lascia tutto come si trova, tanto nessun ladro saprebbe trovare l'avviamento in quel gran casino.

Il radio-clandestino ha nell'automobile il suo regno. La moglie, che urla appena superati i 50 all'ora non può intervenire, perché rompe le scatole continuamente ma non guida mai, anche se il marito lo vorrebbe, per poter parlare in pace.

Possiede l'ultimo tipo di veicolare, installato perfettamente, tipo depliant della Icom; controlla il ROS ogni due settimane e nel cassetto ha un Daiwa serie rotonda “465”, ormai introvabile. L'antenna è multipla, nel senso che ne ha di vario guadagno secondo il percorso. Ha anche il GPS e l’APRS, oltre all'autoradio megagalattica e al navigatore. L'unico problema è rappresentato dal parcheggio non casalingo: prima di abbandonare il veicolo impiega circa 40 minuti per imboscare tutto.

Ed eccoci tornati al radio-pascià: lui in macchina non parla. Non usa veicolari e portatili perché è abituato alle prestazioni degli apparati da base. L'automobile è una Porsche, al massimo una Jaguar o una BMW, ma serie 7 e a benzina, sulla quale l’unica antenna presente è la "pinna" autoradio-GPS-cellulare". Ci va dalla casa al Golf Club, dalla casa al porto dove ha una barca; al lago o in montagna. E la cosa che fa più incazzare i conoscenti è che è sempre perfettamente pulita. Qualcuno sospetta che la faccia lavare da un alto dirigente dell'associazione, ma sono leggende....

IW2FHF, Sergio

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.iw1gfv.it
IW1GHG
Admin
Admin


Messaggi : 1093
Data d'iscrizione : 10.05.10
Località : Torino

MessaggioOggetto: Re: I nevofili meteo appassionati,conosciamoli   Mar Dic 14 2010, 04:20

iw1gfv ha scritto:
Ci sono anche i radioamatori strani!!!


STRANI TIPI GLI OM...

Tratto dalla Newsletter N. 110 della Sezione ARI di Milano


Più di una volta .......

Assolutamente,incredibilmente fantastico.... ahah1

Io mi identifico come radio-maniaco,con una punta di radio-smanettone risata1

_________________
http://iw1ghg.altervista.org/
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://iw1ghg.altervista.org/
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: I nevofili meteo appassionati,conosciamoli   Oggi a 09:17

Tornare in alto Andare in basso
 
I nevofili meteo appassionati,conosciamoli
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» La (dis)informazione meteo in Italia
» meteo-pranzo
» TORINO, zona Crocetta, 9 Febbraio 2012
» ENSEMBLE:LA DANZA DI GFS
» Temperature in Europa autunno/inverno 2013-2014!

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
HAMRADIO :: LE NOSTRE PASSIONI :: generale-
Andare verso: